Il Presepe

Domenica 21 dicembre 2014 si è tenuto il laboratorio “Il Presepe dei Botroidi” alla Chiesa di San Salvatore, che ha visto coinvolti 21 bambini che frequentano le lezioni di catechismo della Parrocchia di Don Paolo.
Il Presepe, veramente originale, ha usato come statuette dei sassi “magici” (chiamati Botroidi che sono conservati nel museo di Tazzola di proprietà di Lamberto Monti) personalizzandoli con gessetti colorati, non recando così alcun danno ai reperti. L’idea è stata lanciata da Lamberto Monti e Pino Rivalta per far conoscere, in modo ludico, l’importanza di questi reperti geologici trovati dal famoso ricercatore Luigi Fantini. Un modo nuovo per unire tradizione, gioco e cultura.

I Botroidi

I Botroidi sono sassi in arenaria, trovati negli anni ’70 dal ricercatore Luigi Fantini nel fiume Zena, sulla spiaggia di quel Mare Padano che 2 milioni di anni fa bagnava le ultime pendici dell’Appennino Emiliano- Romagnolo. I botroidi sono sassi che a prima vista assomigliano a persone e animali, ed in particolare a madonnine con bambino. Di qui l’idea di creare un presepe insolito e straordinario composto da queste strane formazioni.

botroidi2

botroidi1

botroidi4

botroidi3