Un Museo a cielo aperto

Vieni a visitare
il Magazzino delle Terre della Val di Zena
di Tazzola
Una suggestiva raccolta
di foto d’epoca che illustrano chi abitava
e viveva la nostra Valle
Fili di memoria tra anziani e bambini
per capire la ricchezza della semplicità
perduta

logo sito al vivo

Un Paradiso che ti appartiene

La Val di Zena è come una antica e preziosa botte di rovere dove riposa un buon vino.
Dateci una mano a mantenere questo contenitore sano e i vigneti produttivi.


Abitanti di Gorgognano

Stimo creando un archivio storico/fotografico delle immagini che raccontano come era la gente e come viveva le terre della Val di Zena. Se hai o conosci chi può avere delle immagini fotografiche che possano arricchire la nostra sezione “Come eravamo” contattaci alla e-mail:
info@parcomusealedellavaldizena.it
o al numero 348 8702897

val-di-zena

Carica la tua macchina, impugna l’obbiettivo e vieni a cacciare con il tuo mirino in una delle più ricche valli di prede fotografiche. Mandaci i tuoi migliori scatti e li pubblicheremo nella nostra fotogallery “Un Paradiso da scoprire“. Per contattarci usa la nostra e-mail:
info@parcomusealedellavaldizena.it
o al numero 348 8702897

La nostra Mission
Lo scopo dell’associazione è salvaguardare e valorizzare la Val di Zena promuovendo ogni iniziativa finalizzata alla tutela e cura in quanto patrimonio di grande valore artistico, storico, ambientale e spirituale per la presenza di rilevanti siti e reperti archeologici, geologici, architettonici e monumenti di culto che abbracciano un arco temporale vastissimo individuabile tra il Miocene e la Seconda Guerra Mondiale.

Cos’è il Terzo Paradiso?

È la fusione fra il primo e il secondo paradiso. Il primo è quello in cui gli esseri umani erano totalmente integrati nella natura. Il secondo è il paradiso artificiale, sviluppato dall’intelligenza umana, fino alle dimensioni globali raggiunte oggi con la scienza e la tecnologia. Questo paradiso è fatto di bisogni artificiali, di prodotti artificiali, di comodità artificiali, di piaceri artificiali e di ogni altro genere di artificio. Si è formato un vero e proprio mondo artificiale che, con progressione esponenziale, ingenera, parallelamente agli effetti benefici, processi irreversibili di degrado e consunzione del mondo naturale. Il Terzo Paradiso è la terza fase dell’umanità, che si realizza nella connessione equilibrata tra l’artificio e la natura.
Terzo Paradiso significa il passaggio a uno stadio inedito della civiltà planetaria, indispensabile per assicurare al genere umano la propria sopravvivenza. A tale fine occorre innanzi tutto ri-formare i principi e i comportamenti etici che guidano la vita comune.
Il Terzo Paradiso è il grande mito che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità nella visione globale. Il termine paradiso deriva dall’antica lingua persiana e significa “giardino protetto”. Noi siamo i giardinieri che devono proteggere questo pianeta e curare la società umana che lo abita.
Il simbolo del Terzo Paradiso, riconfigurazione del segno matematico dell’infinito, è composto da tre cerchi consecutivi. I due cerchi esterni rappresentano tutte le diversità e le antinomie, tra cui natura e artificio. Quello centrale è la compenetrazione fra i cerchi opposti e rappresenta il grembo generativo della nuova umanità.

Michelangelo Pistoletto, 2003



40 chilometri di linfa vitale
che nasce sugli Appennini e sfocia nella Pianura Padana

Io, che sono abituato a viaggiare in mondi spesso selvaggi, mi entusiasmo quando , spesso, mi capita di percorrere la Val di Zena. Sono convinto che occorre essere presbiti e miopi, ovvero saper godere dei mondi lontani, ma anche di quelli vicini.
Giuseppe Rivalta
...Un giorno mi trovai sulla via del Monte delle Formiche, iniziando così quello che io definirò sempre la mia incredibile, meravigliosa avventura appenninica...
Luigi Fantini
Copyright 2015 Associazione Parco Museale della Val di Zena | All Rights Reserved |